Lorenzo Mattotti Patagonia


Testi a cura di Lorenzo Mattotti, Melania Gazzotti, Jorge Zentner

Edito da Lazy Dog Design a cura di Bunker Edizione in lingua Italiana, Inglese, Francese, Spagnola Formato 28 × 15 cm, Cartonato alla svizzera Ppg 116 € 35,00

Lorenzo Mattotti è uno degli illustratori italiani più conosciuti al mondo, che vanta collaborazioni illustri, riconoscimenti artistici e progetti di rara bellezza. Il termine “illustratore” è, in effetti, riduttivo, per contenere la genialità di questo artista, che si è cimentato con svariate discipline, ultima delle quali la cinematografia. Nel 2019 ha infatti presentato il film di animazione, “La famosa invasione degli orsi in Sicilia, ispirato al romanzo di Dino Buzzati.

Sul filone della riscoperta dei carnet di viaggio, in un periodo contemporaneo in cui le restrizioni anti-covid limitano la nostra possibilità di movimento, si inserisce la nuova pubblicazione di opere realizzate da Mattotti. La casa editrice Lazy Dog Press pubblica, per la prima volta in formato integrale, il taccuino di disegni realizzati dall’artista tra il 2003 e il 2004, in occasione del suo viaggio in Patagonia, terra del silenzio.

Mattotti è nato a Brescia nel 1954, ha frequentato la facoltà di Architettura a Venezia, vive e lavora a Parigi, dove si è trasferito nel 1998. La fine degli anni ‘70 vede il suo esordio artistico come autore di fumetti, mentre risale ad una decina di anni più tardi, nel 1983, il gruppo Valvoline, fondato con i disegnatori bolognesi Daniele Brolli, Giorgio Carpinteri, Igort, Marcello Jori e Jerry Kramsky. Sono numerosissimi i volumi per adulti e per l’infanzia pubblicati successivamente da Mattotti, molti dei quali tradotti in più lingue, come le prestigiose collaborazioni a livello internazionale con quotidiani e magazine come “The New Yorker”, “Vanity Fair”, “Cosmopolitan”, “Le Monde”, “Nouvel Observateur”, “Das Magazin”, “Süddeutsche Zeitung”, “Corriere della Sera”, “Internazionale” e “la Repubblica”.

Il libro, Lorenzo Mattotti Patagonia, si affianca all’omonima mostra d’arte, curata da Melania Gazzotti, in corso presso i suggestivi spazi di Mutty, a Castiglione delle Stiviere, Mantova, visitabile fino al 28 Novembre 2020. I meravigliosi disegni a china dei paesaggi della Patagonia sono esposti in forma di serigrafie, accompagnati dal prezioso taccuino da cui provengono e da alcuni disegni originali a colori.

Lazy Dog Press è specializzata in grafica, illustrazione e calligrafia, per l’occasione ha pubblicato una copia fedele di questi carnet, che per l’appunto riuniscono sia il taccuino di appunti veloci, sia quello di riflessione artistica più curata, che è stato precedentemente esposto nel contesto della mostra “Sconfini” ad Udine. Tutte le 24 doppie tavole in bianco e nero sono contenute nel quaderno, originariamente disegnate su carta nepalese, insieme a una selezione di disegni a colori. Per restituirne il valore la stampa è fatta su una carta preziosa e il libro ha la valenza di pubblicazione da collezione. Il design è stato curato dallo studio Bunker.

Mattotti ha musicato visivamente il silenzio, l’aria dello spazio sconfinato di questa landa sinuosa ed a tratti frastagliata da Canion ripidi, che è la Patagonia. La tramatura di chiari scuri, linee e spessori, non è stata accompagnata da commenti, l’artista si è affidato unicamente al gesto, al suo inconfondibile tratto, che descrive con singolare unicità una terra che sprigiona una carismatica sensazione di quiete, attraendo lo sguardo all’interno di un mondo di rarefatta emozione e silenzio denso.

“Laggiù - spiega l’autore - mi sono confrontato con spazi, distese che mi hanno enormemente scosso: è lo spazio a perdita di vista, lo spazio infinito, ma dove l’armonia delle forme apre spazi, dà profondità… Ho cercato di ricostruire questo, di ricostruirlo a memoria. Con l’aiuto del pennello ho cercato di ritrovare l’armonia dello sguardo che avevo sentito mentre viaggiavo. Era una specie di musica. Sei mesi dopo ho trovato un album di carta orientale, e ho iniziato a disegnare una sorta di spartito paesaggistico. Ho cercato di ritrovare questa musica delle forme, ho cercato la mia Patagonia dalla Patagonia che avevo attraversato”.

Il libro contiene un testo del romanziere e sceneggiatore di fumetti argentino Jorge Zentner, compagno di viaggio di Mattotti in Patagonia.

Elena Arzani

@arzanicurates

Featured Posts
Recent Posts